• Pubblicata il
  • Autore: Marina Luce
  • Categoria: Racconti etero
IL MARITO CUCKOLD - Massa Carrara Trasgressiva

IL MARITO CUCKOLD - Massa Carrara Trasgressiva

IL MARITO CUCKOLD

Mi chiamo Antonio ed ho 36 anni. Sono sposato da 7 anni con Marina, una meravigliosa donna di 32 anni, piena di gioia di vivere e maliziosamente intrigante come di meglio non potevo sperare di trovare.
La nostra vita sessuale, nei i primi anni del matrimonio, duranti i quali abbiamo attentamente evitato la possibilità che lei potesse rimanere in cinta, è sempre stata intensa ed a volte trasgressiva. Abbiamo goduto dei nostri corpi in tutti i modi possibili ed immaginabili, accompagnando sempre le nostre effusioni sessuali con una sfrenata fantasia che ci faceva immaginare situazioni particolarmente eccitanti in cui tutto poteva essere contemplato.
Di tali fantasie poi cercavamo di realizzare quelle in cui erano previste situazioni che coinvolgevano solo me e lei.
Dopo cinque anni di matrimoni, quando l’ardore iniziale cominciò un po ad assopirsi, decidemmo di provare ad avere un bambino e ci riuscimmo subito. La nuova situazione e la crescita della pancia di Marina, se da una parte bloccava un po la foga sessuale, dall’altra rese il corpo di Marina molto più eccitante.
Un giorno poi accadde quello che cambiò, in seguito, la nostra vita sessuale, ovviamente in meglio, aprendo nuove frontiere al piacere di entrambi.
Mia moglie, ormai al sesto mese di gravidanza, doveva fare una urgente visita. Quando arrivammo allo studio medico della ginecologa apprendemmo che quella settimana la dottoressa era in ferie e c’era un sostituto.
Pur se un po imbarazzata mia moglie decise di farsi visitare lo stesso.
Dopo i primi convenevoli ,duranti i quali Marina fece al dottore un escursus della sua gravidanza e spiegò i motiivi dell’urgenza della visita, il dottore la fece accomodare sul lettino per iniziare la visita, chiedendomi se volevo assistere o se preferissi aspettare in sala d’attesa.
Io guardai mia moglie e lei mi disse di aspettare fuori, così sarebbe stato meno imbarazzante per lei.
Uscii dalla stanza e quando fui nella adiacente sala di attesa, mi accorsi che in alto, alla parete comunicante con la sala delle visite, c’era una finestrella da cui, volendo, si sarebbe potuto vedere tutto quello che accadeva nell’altra stanza. L’idea di spiare il comportamento di mia moglie durante la visita mi assalì immediatamente.
Proprio sotto la finestrella c’era una sedia molto robusta e salendoci sopra, riuscivo a vedere tutto quello che accadeva all’interno senza essere visto. Mia moglie era seduta sul lettino ed il dottore stava brandendo lo stetoscopio.
Ad un cenno del dottore mia moglie si tolse la camicetta restando in reggiseno. Il dottore iniziò la visita. Auscultò accuratamente prima la schiena e poi passò al il petto. I seni di mia moglie, gonfi per la gravidanza, erano uno spettacolo ed il dottore, che non doveva essere rimasto insensibile a quella vista, si soffermò a lungo auscultandoli da ogni angolazione. Poi le fece sollevare il reggiseno ed i seni nudi furono in bella vista. Sentivo crescere in me una strana eccitazione nel vedere il dottore che le tastava il seno, certo era una situazione che spesse volte, nelle nostre fantasie, avevamo ipotizzato, ma ora era una cosa reale. Per la prima volta vedevo un uomo che accarezzava il corpo di mia moglie anche se solo per una visita. Prima le strinse entrambi i seni chiedendole se sentisse dolore….poi passò a strizzarle i capezzoli per fare uscire le gocce di liquido che normalmente escono quando una donna è gravida. Il palpeggiamento del seno in modo rotatorio continuò per un bel po’ e a mia moglie sembrava piacesse quella situazione visto che i suoi capezzoli le erano diventati durissimi e cresciuti a dismisura. Rideva parlando col dottore mentre lui continuava ad accarezzarla mentre le faceva delle domande. Po le indicò un paravento e le disse di andare a spogliarsi.
Tornò e si sdraiò sul lettino ovviamente senza mutandine. Il dottore le fece allargare le gambe e le fece appoggiare sugli appositi cavalletti e fu così che le sue cosce aperte mettevano alla vista del dottore la sua meravigliosa fica. Il Dottore indossò i guanti di lattice e si sedette davanti a lei. Con le dita cominciò a aprire la fica dalle grandi labbra per verificare l’esistenza di qualche infezione. Cominciò passarle le dita sulla fica e anche sul clitoride. Il viso di mia moglie era violaceo proprio come accade quando la tocco io fra le cosce. Ero sicuro che si stesse eccitando come d’altronde stava accadendo a me. Ogni volta che lui passava il dito sul clitoride mia moglie sospirava e chiudeva gli occhi e quando lui le infilò di dito dentro, la vidi mordersi il labbro mentre io mi ritrovai con una eccitazione come non mi accadeva da tempo. Il dito del dottore si muoveva lentamente nella sua fica mentre lei stava chiaramente godendo.Quando il dottore tolse il dito bagnato dei suoi umori, le chiese se aveva dolori o poteva continuare e lei disse con un filo di voce:-“Continui,non sento alcun dolore…anzi….”. Non finì la frase ma il dottore capì. Fu cosi che inserì due dita e iniziò a spingerli su e giù mentre con l’altra mano accarezzava il clitoride. Mia moglie non riusciva più a stare ferma. Mentre lui continuava la sua azione lei cominciò ad accarezzarsi il seno poi scese con la mano in basso su quella del dottore e ne accompagnò i movimenti su e giù. Il ritmo fu sempre più veloce fin quando, contorcendosi dal piacere, iniziò a venire schizzando tutto il suo liquido umorale , bagnando il camice del dottore ed il pavimento. Raramente ero riuscito a far squirtare mia moglie, come si dice in gergo , ma il dottore c’era riuscito pienamente ben conoscendo i punti sensibili delle donne Mia moglie imbarazzata chiese scusa al Dottore ma lui la tranquillizzo dicendole di rivestirsi mentre lui avrebbe ripulito e si sarebbe cambiato il camice. Cosi fecero e quando furono pronti il dottore mi chiamò.
Io entrai ancora al colmo dell’eccitazione e mia moglie mi venne incontro dicendomi che era tutto a posto. Il dottore scrisse una ricetta, per un medicinale che avrebbe dovuto eliminare quel piccolo dolorino per cui avevamo richiesto la visita, e disse di tornare per il controllo fra 15 giorni o prima se le cose non dovessero migliorare.
Uscimmo e di avviamo verso la macchina
- Allora? Come è andata ?– le chiesi
-Entriamo in macchina prima, ho bisogno di sedermi ,poi ti racconto.
Ritirammo la macchina dal garage e ci avviamo verso casa.
-Allora…dimmi, com’è andata?
- E’ andata bene, però é successo una cosa-
-Cosa?-
Le chiesi io immaginando già quello che stava per dirmi.
-Mentre il dottore mi visitava mi sono eccitata e sono venuta… ti dispiace?”
-Tranquilla amore, lo sapevo?-
-Come lo sapevi?-
-Anche io devo confessarti una cosa-
-Cosa?-
-Ho visto tutto. Vi ho spiati da una finestrella che c’era nella sala d’attesa”
-E perchè non sei intervenuto per fermarlo?-
-Non sono intervenuto perchè ero fortemente eccitato dalla situazione tanto che avrei voluto che in quel momento ti scopasse-
-Ti e piaciuto vedermi toccata da un altro uomo?-
-Si, moltissimo ma soprattutto mi è piaciuto vederti godere. Era parecchio che non schizzavi, dovevi essere proprio eccitatissima”
-Sei un porco. Ma non importa mi piaci cosi . In effetti ero eccitatissima e devo confessarti che avrei voluto anche io che mi scopasse-
-Amore io sono ancora eccitatissimo-
Lei mi posò la mano sulla patta e senti il mio uccello duro come il marmo
-Wow, dobbiamo venire più spesso dal dottore, hai un uccello duro come non accadeva da mesi”. Aprì la patta lo tiro fuori, si abbassò mettendosi comoda e,mentre io continuavo a guidare, mi fece un pompino favoloso ingoiando tutto quello che le riversai in bocca.
-E’ buona amore, adoro la tua sborra” disse rialzandosi e leccando dalle labbra le ultime gocce,poi dopo un attimo di esitazione aggiunse -“Chissà se quella del dottore ha lo stesso sapore?”
-Vorresti provarla?- Le chiesi
-Ti piacerebbe che lo facessi?-
-Solo a pensiero di vederti con un altro cazzo in bocca me lo ha fatto ritornare duro-
Lei lo guardò nuovamente duro come il marmo e mi disse:
-Presto andiamo a casa ho voglio di scopare-
-Ma il dottore ha detto che è meglio evitare per qualche settimana –
-Vuol dire che me lo metterai tutto nel culo amore, sono tutta bagnata anche la”.
Fu una notte di fuoco la inculai ripetutamente fino allo sfinimento.
Durante i successivi giorni parlammo spesso di quello che era accaduto e ogni volta che lo facevamo scopavamo come conigli. Ormai ci aveva preso gusto a prenderlo nel culo e godeva da matti quasi quanto prenderlo nella fica. Per dare più pepe alle nostre scopate mi chiese di interpretare il ruolo del dottore che la scopava e lei era la moglie che tradiva me, “ il marito cornuto” come le piaceva chiamarmi.
-Mi scopi Dottore ho voglia del suo cazzo, me lo metta nel culo e mi sborri dentro, cosi a casa farò leccare la sua sborra a quel cornuto di mio marito.
Mi eccitava tantissimo sentirla parlare così.Riuscivo a scoparla con una foga mai vista due tre volte di seguito, riempiendola tutta e, quando io ero ormai spossato, lei si sedeva sulla mia faccia e faceva colare tutta la mia sborra nella mia bocca pretendendo che io la ingoiassi. Eravamo diventati due assatanati del sesso. Ci calmammo solo l’ultimo mese prima che partorisse.
Per un po di tempo, dopo la nascita della bambina, le nostre effusioni divennero molto rare. Marina, durante il parto, aveva avuto dei problemi e la ginecologa aveva assolutamente proibito ogni tipo di rapporto sia vaginale che anale fin quando i punti che le avevano messo non fossero stati assolutamente cicatrizzati.
La sera a letto, dopo aver addormentato la bambina, veniva accanto a me e mi chiedeva scusa sentendosi in colpa per il fatto che non potevamo fare sesso anche se il nostro desiderio era tanto. Per farsi perdonare spesso mi faceva un pompino con cui riusciva momentaneamente a calmare il mio desiderio, ma non riusciva a colmare il suo che cresceva di giorno in giorno , cosi riprendemmo a fantasticare su quello che avremmo fatto quando lei sarebbe guarita.
La nostra fantasia, sin dal giorno della famosa visita ginecologica, ormai contemplava sempre la presenza di un altro uomo e il nostro desiderio più grande era diventato quello di realizzarla. Lei impazziva all’idea di farsi scopare davanti a me per di vedere la mia reazione ed io a quella di vederla posseduta da un altro uomo mentre la guardavo in faccia cogliendo di ogni attimo del suo piacere.
Molto spesso nella sua fantasia immaginava a fare sesso con un uomo di colore.
-Ti piacerebbe se mi facessi inculare da un nero. Di solito hanno dei cazzi fuori dalla norma. Mi farebbe gridare dal dolore ma io lo inciterei a non smettere. Voglio che tu mi senta gridare prima dal dolore e poi dal piacere.
-Si amore voglio sentirti mugolare e gridare mentre lo inciti a romperti il culo.-
-Siii, e poi dopo che mi sborra dentro tu vieni dietro di me a lenire il dolore leccandomi il buco del culo e tutta la sborra che il mio amante mi avrà riversato dentro.
Di solito le nostre fantasie serali erano tutte su questo tenore e quando, raggiungevamo l’apice dell’eccitazione, lei me lo prendeva in bocca e mi faceva un favoloso pompino facendomi sborrare sulle sue tette. Amava spalmarsi la sborra sul ventre perchè le avevano detto che poteva servire a migliorare le smagliature.
Dopo qualche mese riprendemmo gradualmente la nostra attività sessuale ma, la presenza della bambina, ci impediva di soddisfare le nostre fantasie a lungo immaginate.
Tutto procedeva monotonamente bene ma non avevamo mai smesso di far lavorare la nostra fantasia ripromettendoci ogni sera,mentre facevamo l’amore, che quando si sarebbe presentata l’occasione non ce la saremmo fatta scappare.
Al terzo anno di età la bambina cominciò a frequentare l’asilo ed ad avere tanti amichetti dando a noi la possibilità di conoscere nuove coppie ed anche madri o padri separati.
*******
-Sai oggi all’asilo ho conoscituto il padre di Tommy, quel bambino di cui parla sempre la nostra Ginevra e a cui è tanto affezionata –
-E quindi?-
-Niente, abbiamo parlato un po del più e del meno.Mi ha detto che lui e la madre di Tommy sono separati ed che il bambino e stato assegnato a lui visto che la madre è scappata via con un altro senza dare più sue notizie.
-Che tipo è?
-Un bell’uomo molto affascinante, credo abbia la tua età. Mi ha fatto un po di corte, credo di piacergli.
-A te piace? Te lo faresti?
-Se capitasse l’occasione potrebbe essere la persona giusta per soddisfare le nostre fantasie. Una persona sola, discreta educata e soprattutto pulita. Si, credo proprio che possa essere la persona giusta e poi …mi piace.
-L’occasione si può sempre creare l’occasione- Dissi io stringendola
-E come?
-Quando lo vedrai la prossima volta, digli dirai che sarebbe carino se i nostri figli passassero un po di tempo insieme a giocare al di fuori dell’asilo e che sarebbe bello se qualche pomeriggio lo portasse a casa nostra. Poi , se accetta, quando verrà a riprenderlo lo invitiamo a cena e poi….si vedrà.
-Buona idea ci proverò. Ma…. sei sicuro di volerlo…poi non potremo tornare indietro.-
-Non senti l’effetto che mi fa la sola idea-Dissi io stringendola ancor di più e premendo il mio uccello duro sul suo culo-
-Lo sento e quindi immagino che ti stai già pregustando la serata- Si girò mi abbraccio e mi baciò e aggiunse:-Ti eccita l’idea di guardarmi mentre mi faccio scopare?
-Si amore, mi eccita da morire. Poco fa,mentre parlavi, ti ho immaginata in sul divano col suo cazzo in bocca mentre ti mette le dita nel culo…-
-Porcone…ma senti com’è duro – Disse accarezzandomi l’uccello.
Lo tirò fuori dai pantaloni, si inginocchiò e lo prese in bocca. Cominciò ad andare su e giù inghiottendolo fino alla radice.La sua mano accarezzava le mie palle spingendosi fino all’orefizio anale cercando pia piano di violarlo. Mi fece girare e cominciò a leccarmi il culo infilandoci dentro la lingua, quando vide che era bagnato abbastanza mi rifece girare e lo riprese in bocca. Sentii la sua mano accarezzarmi nuovamente le palle e poi il suo dito farsi strada e di colpo entrare tutto dentro il mio culo. Gemetti e le sborrai in bocca tutto il mio piacere. L’accolse fino all’ultima goccia poi si alzò, apri la bocca e la fece scolare lungo il mento. Si avvicinò e mi disse
-Puliscimi, leccarla tutta, baciami!-
Obbedii con immenso piacere. Amavo recitare la parte dello schiavo obbediente.
-Ti farò leccare la sua sborra- Mi disse
Poi si sedette allargò le gambe e mi chiese di farla venire. Affondai la mia faccia fra le sue cosce e la mia lingua frugò ogni angolo della sua fica fradicia di umori. Venne schizzandomi in faccia tutto il suo piacere.
******

-Buon giorno, sono la mamma di Ginevra, si ricorda di me?
-Certo che mi ricordo. Una bella donna come lei non si dimentica facilmente.
-Lo prendo per un complimento.
-Ovvio, non volevo certo mancarle di rispetto. Mi dica…-
-Volevo dirle che la mia bambina continua a chiedermi insistentemente se qualche pomeriggio può giocare a casa nostra con Tommy.
-Davvero! Ma lo sa che anche Tommy mi ha chiesto piu volte la stessa cosa. Pensi , un giorno di questi giorni, glielo avrei chiesto io. Si vede che i due bambini sono molto affiatati. Per me, va benissimo.
-Allora perchè non lo porta qualche pomeriggio a casa mia, anzi, se vuole, posso portarmelo io a casa ora e poi lei viene a riprenderlo stasera.
-Mi sembra un’ottima idea. Fra l’altro mi fa proprio comodo visto che oggi pomeriggio ho un improrogabile impegno di lavoro e non saprei a chi affidare il mio Tommy.
-Bene, allora è fatta. Ora che escono porto suo figlio a casa con me. Prenda, questo è il mio bigliettino da visita, c’è l’indirizzo ed il mio numero di telefono personale. Può chiamarmi quando vuole se dovesse avere bisogno di qualcosa..per Tommy.
-Solo se ho bisogno di qualcosa… per Tommy?
Iniziava a provarci ed io lo accondiscesi.
-Se le fa piacere può chiamarmi …anche se Tommy non ha bisogno di niente. Risposi io con un smagliante sorriso pieno di complicità
-A suo marito non darebbe fastidio se la chiamo?
-Perché dovrebbe…l’importante è che faccia piacere a me.
-E a lei fa piacere?
-Certo altrimenti non glielo avrei dato. E comunque mi chiamo Marina, credo che a questo punto possiamo darci del tu
-Certo Marina, io sono Aldo- disse stringendomi la mano.
La campanella suonò ed il portone si aprì. Un intenso vociare di bambini coprì le nostre ultime parole poi i nostri figli ci raggiunsero.
Aldo spiegò a Tommy che sarebbe venuto a casa con noi e che poi, la sera, sarebbe passato a riprenderlo. Tommy fece salti di gioia e lo disse a mia figlia.
-Evviva -disse Ginevra –così possiamo giocare tutto il pomeriggio. I due si diedero la mano e si incamminarono mentre io salutai Aldo con un bacio sulla guancia.
-A stasera- dissi
-A stasera cara – rispose con un fare ammiccante.
Gli strizzai l’occhio e mi avviai verso casa dietro ai bambini.
Ero eccitata. Lo sguardo complice di Aldo mi aveva colpito e già la mia mente cominciava ad immaginare il seguito del nostro rapporto.

*****
Marina mi telefonò e mi raccontò per sommi capi l’incontro con Aldo chiedendomi di portare del buon vino per la cena e raccomandandomi di non fare tardi. Le dissi che dovevo finire un lavoro urgente e che prima delle 19,30 non potevo essere a casa.
-Non puoi farlo finire a qualche altro collega?-
-No, solo io sono in grado di completare la relazione. Il capo domani mattina parte per Milano e deve portarla con se.
-Va bene, vuol dire che se Aldo arriva prima lo intratterrò io-
-In che modo?- Dissi io ammiccando.
-Non lo so, ma troverò il modo per non farlo annoiare in tua assenza-
-Sono sicuro che ci riuscirai pienamente. Ora ti devo lasciare altrimenti non riesco a finire.
-Va bene amore, ciao e… ricordati il vino.
-Si me lo ricorderò, tranquilla.

****
Avevo passato tutto il pomeriggio a provare la biancheria intima che avrei indossato nella speranza poi di doverla togliere davanti al padre di Tommy. I bambini si erano addormentati ed mentre mi stavo truccando, dopo aver indossato un abitino che metteva in risalto tutte le mie curve, bussarono alla porta. Ero eccitatissima ma mi diedi un certo contegno ed andai ad aprire.
-Ciao, prego entra.
Aldo rimase un po’ impacciato,non immaginando probabilmente che mi sarei presentato a lui come una bomba sex-
-Ciao…Sei fantastica- Mi disse restando a guardarmi ancora un po. -Tuo marito è un uomo fortunato a potersi svegliare ogni mattina accanto una donna come te. Poi mi porse una bottiglia di Prosecco
-Grazie non dovevi disturbarti. Comunque ce la berremo stasera visto che tu resterai a cena con noi. I bambini dormono per cui non è il caso di svegliarli.
-Immagino che non posso rifiutare.
-Un tuo rifiuto mi offenderebbe
-Allora accetto volentieri. Tuo marito?
-Ancora al lavoro, fra poco torna. Posso offriti qualcosa da bere?
-Si grazie.
-Intanto accomodati e metti un po di musica se ti va-
Mi diressi in cucina mentre lui iniziò a gironzolare nella stanza soffermandosi a guardare la mia raccolta di dischi in vinile. Tornai con aperitivi e li poggia sul tavolino del salotto.
-Bella questa raccolta di dischi, anche io sono un appassionato del vinile. Funziona il giradischi?
-Certo è un pezzo raro, mi e costato un occhio farlo mettere a nuovo.
-Questo disco lo adoro-
Disse mostrandomi il disco di una vecchia canzone di Ray Charles. Lo mise sul giradischi e la fece andare.
-Anche io l’adoro
-Ti va di ballare?
Mi porse la mano e mi strinse a se. Aderii a lui e misi le braccia intorno al suo collo. Lui capì che avevo voglia di lui ma il dubbio di sbagliare gli impediva di prendere ulteriori iniziative. Sentivo il suo cazzo duro premere sul mio ventre ed mi stringevo a lui per fargli capire che la cosa non mi dispiaceva. Poggio la sua guancia sulla mia e sentivo il suo alito caldo sul mio collo. Una voglia pazzesca mi assali. Ero tutta fremito e le mie guance, riflesse nel grande specchio del salone, erano di un rosso fuoco. Decisi di fare il primo passo e gli dissi nell’orecchio stretto sulla mia guancia.
-Quando ascolto questa canzone mi eccito sempre e sento che anche per te è la stessa cosa.
-Scusami- Disse lui scostandosi- Mi sono fatto prendere la mano. Sei cosi bella e sensuale.
Tornai a stringermi a lui –Non devi scusarti anzi, è bello che tu provi queste sensazioni per me, anche io sono eccitata. Se non avessi paura di essere giudicata male ti sarei già saltata addosso, ho una voglia matta di te.-
Lui mi strinse e mi baciò. La sua lingua iniziò a frugare la mia bocca e le nostre salive si mischiarono mentre con le mani cominciò ad accarezzare le mie natiche. Lo spinsi sul divano mi inginocchiai davanti a lui e gli aprii i pantaloni. Misi la mano nei sui slip e tirai fuori un enorme cazzo duro. Mentre lui reclino il capo sul cuscino del divano in estasi
-Sei fantastica-Mi disse mentre stringevo il suo membro fra le mani facendolo andare su e giù.- Anche io ho una voglia matta di te.
Poi mi piegai in avanti e cominciai a succhiare quell’enorme pezzo di carne che sembrava crescesse sempre più ad ogni mio colpo di lingua. Lui mi stringeva la testa fra le mani accarezzandomi i capelli. Sentivo il suo fremito farsi sempre piu intenso, stava per venire.
-Alzati sto per venire-Mi disse, non sapendo se avessi gradito il suo sperma in bocca.
Io aumentai il ritmo facendogli capire che poteva farlo. Volevo la sua sborra, assaporarla e berla fino all’ultima goccia. Il suo respiro ed il sui fremito raggiunsero l’apice e venne abbondantemente. Non riuscivo a trattenerla tutta in bocca e nonostante ne avessi ingoiato una buona quantità, alcuni rivoli del suo sperma mi calarono lungo il mento finendo sul mio vestito. Ancora immersi in momento di piacere sentimmo la porta che si apriva. Mio marito era tornato. Aldo tutto rosso in faccia si ricompose in fretta mentre io mi alzai e gli andai incontro.
-Ciao tesoro finalmente sei arrivato-. Lo baciai e gli misi la lingua in bocca. Dal sapore della mia lingua capì subito che mi ero fatta sborrare in bocca -Vieni tesoro ti presento il padre di Tommy.-
Aldo si alzò venne incontro ad Antonio e si diedero la mano.
-Molto lieto-
-Stia comodo-Disse Antonio- Vado a rinfrescarmi e sono subito da lei
-Dammi il vino vado a metterlo in frigo. Presi la busta dalle mani di Antonio e mi diressi in cucina e lui mi segui. Torno subito dissi ad Aldo che si riaccomodo sul divano.
Appena lontani dallo sguardo di Aldo mio marito mi strinse a se e mi baciò nuovamente. La sua lingua mi frugò cercando in ogni angolo della mia bocca il sapore dello sperma di Aldo.
-Ti sei fatta sborrare in bocca. Troia. Avete scopato? Mi chiese.
-Gli ho fatto un pompino e mi è venuto in bocca. Poi mostrandogli la sborra cadutami sulla gonna gli dissi di leccarla. Lui lo fece e mi chiese:
-Tu sei venuta?-
-No, io vengo solo se ci sei tu a guardarmi. Ora preparo la tavola tu sbrigati
******
In bagno mi accorsi di essere eccitato. L’idea che mia moglie gli avesse fatto un pompino mi faceva morire dalla voglia. Volevo che lei facesse la troia per me. Che si facesse fottere da Aldo in tutti i modi. Più pensavo e più il mio cazzo si faceva duro. Avevo voglia di sborrare. Chiusi gli occhi immaginai mia moglie col cazzo di Aldo in bocca e cominciai a segarmi. Nella mia mente la vedevo andare con la bocca su e giù e leccargli con gusto la cappella mentre le sue tette penzolavano sul petto di Aldo che, in un magnifico 69 le leccava la fica. Sborrai copiosamente sullo specchio del bagno.
Tornai nel salone, mia moglie, aiutata da Aldo stava apparecchiando l tavola.
-Continuo io, tu per favore vai in bagno, c’è dell’acqua a terra e non ho trovato lo straccio per pulire.
Lei mi passò le posate e andò.
-Volevo farti i complimenti, hai una bellissima moglie, molti dinamica ed intelligente. Mi ha detto che è un’ottima cuoca.
-Si, è verò è molto brava nell’arte culinaria…d’altronde, con quel culetto che si ritrova, non poteva essere diversamente. Ti piace il suo culetto?- Dissi all’improvviso per rompere subito il ghiaccio e cominciare ad addentrarci in argomenti piu interessanti.
-Visto che me lo chiedi tu, voglio essere sincero, è il più bel culo che io abbia mai visto. Beato te. Anche la mia ex aveva un bel culo, certo non all’altezza di quello di tua moglie, ma passabile. Purtroppo non me lo ha mai voluto dare.
-Non l’hai mai scopata nel culo?
-No, mai ,e ti confesso che non ho mai scopato il culo di una donna.
-Ma davvero, allora non sai cosa ti sei perso. Bisogna rimediare allora.
-E come? Disse lui che già aveva intuito dove volevo arrivare.
-Posso parlare esplicitamente?
-Ma certo!-Disse
-Vedi io e Marina siamo una coppia molto affiatata, ci amiamo moltissimo e viviamo il sesso in maniera libera. Siamo pieni di fantasie e una di queste, è qualla di inserire nel nostro manage un altro uomo. Ovviamente tu sai bene com’e difficile trovare una persona giusta, affidabile seria discreta e pulita e soprattutto senza vincoli affettivi. Quando Marina ti ha conosciuto ha pensato che tu potessi essere la persona giusta, vede in te tutti questi requisiti ed in piu, poco fa mentre eravamo di la, mi ha detto che sei anche molto dotato, il che non guasta.
-Ma io….
-Tranquillo, so che Marina ti ha fatto un pompino e la cosa non mi dispiace…serviva per rompere il ghiaccio. Spero solo che ti sia stata brava.
-E’ stata favolosa la sua bocca è una miniera d’oro.
-Allora vuoi diventare il nostro “amico di letto”?
-Si Antonio, non sai quanto desideri Marina. Ma lo faremo in tre?
-No, quando fate l’amore io vi guarderò. Ci piace così, anche se non escludo che qualche volta possa intervenire anche io. Tra noi ci drovrà essere la massima complicità ma tutto dovrà consumarsi all’interno delle mura domestiche. Nessuno deve mai sospettare niente.
-Ma naturalmente. Non dobbiamo correre rischi che qualcuni scopra il nostro rapporto. Dobbiamo essere molto discreti
-Quando siamo in casa tu potrai fare e dire di tutto con Marina come se fosse tua moglie e lei potrà fare altrettanto con te e tra me e te ci dovrà essere la massima stima ed un’ amicizia profonda e sincera.
Finimmo di apparecchiare ed andai a prendere il vino dal frigo. Marina stava mettendo la pasta nei piatti.
-Cosa hai combinato in bagno…era tutto sporco, ti sei fatto una sega?
-Amore quando mi hai raccontato di avergli fatto un pompino non ho resistito…dovevo farlo-
-Sei un porcellone-disse sorridendo, poi aggiunse-Preparati a fartene tante altre stasera-disse ridendo.
-A proposito, ho parlato con Aldo apertamente, in pratica ha accettato di essere il tuo amante incondizionatamente.
-Davvero! Allora ora a tavola possiamo parlarne apertamente?
-Si, gli ho anche detto si sapere che gli hai fatto un pompino.
-E lui?
- Era un po imbarazzato ma poi tutto è andato bene. Ora sarai tu a condurre il gioco con entrambi.
-Si sarei i miei schiavetti ahahah –
Rientrammo nel salone e ci sedemmo a tavola. Marina accanto ad Aldo ed io di fronte.
La cena andò avanti piacevolmente. Parlammo dei figli del matrimonio e soprattutto di sesso. Marina era eccitatissima teneva sempre la mano sotto il tavolo. Sicuramente per accarezzargli l’uccello. Per verificare feci cadere la forchetta e piegando mi per raccoglierla vila la scena che avevo ipotizzato. Lei aveva la mano sulla sua patta e gli stingeva il membro. Lui era rosso in viso, sicuramente aveva voglia di sborrare. Mi accorsi che guardando alla vetrinetta della credenza a lato del tavolo potevo vedere quello che succedeva sotto di esso cosi buttai nuovamente la forchetta a terra e chiesi a Marina di raccoglierla, sperando che lei capisse a volo quello che volevo facesse. La nostra complicità era ormai cosi sperimentata e lei capìi subito le mie intenzioni e andò sotto il tavolo. Guardando nella vetrinetta potevo vedere le sue mani armeggiare con la patta di Aldo. Lo tirò fuori e comincia succhiarlo.
-Ti piace- dissi io con il bicchiere in mano.
-Si un ottimo vino-
-Parlavo del vino. Volevo sapere se ti piace la bocca di mia moglie, So che ti sta facendo un pompino.
-Si è favolosa. Perché non la scopi allora…cara vieni su- dissi a Marina
Marina si alzo,spostò la roba che c’era sul tavolo e si appoggioad esso dicendomi. -Tu sparecchia io ed Aldo abbiamo da fare.-
Aldo si alzo e si avvicino a lei aveva il cazzo fuori dai pantaloni e lo mise fra le cosce di Marina baciandola e infilandole la lingua in bocca.
Mi affrettai a sparecchiare, per non perdere neanche un attimo del loro incontro e, quando tornai ,mi sedetti sulla poltrona di fronte a loro che continuavano a baciarsi. Marina si girò e stese il suo busto,che nel frattempo aveva liberato dal reggiseno, sul tavolo.Le sue tette erano schiacciate sul legno del tavolo cosi come la sua guancia. Con le mani allargò le natiche e disse:- Aldo leccami il culo e scopami. Aldo obbedi, si inginocchiò, prese le natiche con le mani, liberando quelle di Marina, e cominciò a leccare l’orifizio anale spingendoci dentro la lingua. Marina mugolava e i suoi occhi sembravano uscissero dalle orbite per il piacere che provava. Poi quando il culetto era abbastanza umido, si alzo poggio il suo enorme pene contro il buco e comincio a spingere. Mariana emise un grigolino di piacere piu che di dolore e lui si fermò pensando stesse provando dolore.
-Non ti fermare-disse Marina- Lo voglio tutto dentro, spingi-. Lui diete un paio di spinte decise ed il suo cazzo sparì nel culo di Marina che allungò le braccia per stringere le mie mani e trasferirmi il suo piacere.
-Ti piace amore-le chiesi
-Da impazzire non avevo mai provato un piacere cosi intenso. Perchè non ti metti sotto il tavolo e mi lecchi la fica, cosi potrai vedere più da vicino come mi sta rompendo il culo-
Non me lo feci ripetere due volte.mi misi sotto di lei e cominciai a leccarle la fica.Il cazzo di Aldo entrava ed usciva dal culo di Marina. Una visione che mi provocava una eccitazione immensa. Poi il cazzo scivolo fuori dal culo di Marina ormai abbondantemente lubrificato. Cadendo in giù sulle mie labbra. D’istinto aprii la bocca e cominciai a succhiarlo. Lui lasciò fare e dopo in po lo presi in mano e lo indirizzai nuovamente nel culo di Marina mentre io ripresi a leccargli il clitoride. Marina mugolava e gridava di piacere mentre aldo comincio ad avere le prime contratture preludio alla sborrata. Succhiai il clitoride con maggior foga fin quando non la sentii gridare:
-Vengooooo. Piu veloceeee.
Aldo diede un altro paio di colpi e poi cominciò avenire. I primi schizzi finirono nel culo di Marina ma i successivi,essendo scivolato fuori, finirono sui suoi glutei e buona parte sulla mia faccia.
Marina rimase in quella posizione chiedendomi di leccarle il culo fino a quando l’ultima goccia di sborra non fosse uscita e non fosse finita nella mia bocca. Fu una serata indimenticabile ed eravamo così felici dell’intesa raggiunta che decidemmo di uscire per andare a bere qualcosa in un locale che conosceva Aldo.
Chiamammo la bambinaia di Ginevra che abitava al piano di sopra, per controllare i bambini e uscimmo.
Aldo si mise al volante della sua Volvo, una macchina molto comoda e veloce, e ci dirigemmo verso la scogliera per raggiungere un localino che Aldo ogni tanto frequentava..
-Amore sei stato magnifico- disse Marina ad Aldo- non smetterei mai di farmi scopare da te.
-Anche tu sei stata magnifica.-disse Aldo—Hai un culo favoloso ed una bocca che fa resuscitare ogni cosa.
-Ti piace la mia bocca? Sono brava?
-Si, i tuoi pompini sono favolosi.
-Vuoi che te ne faccia uno ora in macchina?
-Lo faresti davvero?
-Certo.. e Antonio lo filmerà con il cellulare così poi lo riguardiamo a casa.
-Per te va bene? Mi disse Aldo.
-Si certo , per me va bene, Io vi riprendo.-
Aldo si fece più indietro col sedile per consentire a Marina di stare più comoda mentre lei lo tirava fuori dai pantaloni.
-Alzati un pochino cosi ti posso abbassare i pantaloni che sono d’intralcio.
Aldo obbedì e Marina li calo insieme agli fino alle caviglie. Prese il membro in mano e cominciò a succhiare avidamente. Si mise in ginocchio sul suo sedile e si sollevò la gonna in modo che io le potessi toccare il culo.
Lei succhiava il membro di Aldo mentre io le infilavo due dita nel culo ancora lubrificato dalla precedente sborrata di Aldo..
Aldo era in estasi, ogni tanto reclinava il capo per poi riprendere il controllo dell’auto.
-Ti piace disse Marina? Voglio che mi sborri in bocca, voglio sentire il tuo sapore. Stasera mi sento in paradiso.
-Anche io- Rispose Aldo, mentre una luce sempre più intensa avvolgeva l’abitacolo. -Vengooo – urlò ….

Poi un tremendo boato, la macchina che rotolava giù per la scogliera e poi fu la fine.



FINE




Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!
29/03/2017 11:36

bugiecomiche

Guarda meno film erotici - comici!!

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati